Insaccati fai da te salsiccia fresca - salamelle

Published on aprile 27th, 2018 | by LoveBeef

0

Come fare la salsiccia in casa

Con questa guida ti spiegheremo come fare la salsiccia in casa.

Mangiare sano senza rinunciare al gusto è possibile!

Sì, hai capito bene. Fare la salsiccia è semplicissimo, richiede poco tempo e dà risultati ottimi.

Tutto quello che ti occorre è un buon tritacarne. Se vuoi conservare la tua salsiccia nei budelli, controlla che sia dotato degli accessori per insaccare (di solito li trovi inclusi). Se non hai ancora il tuo tritacarne

⇒LEGGI QUI LA NOSTRA GUIDA DEFINITIVA AL TRITACARNE ELETTRICO⇐

con 11 modelli consigliati da acquistare (in offerta speciale).

tritacarne elettrico
Grazie a questo macchinario, infatti, potrai scegliere la carne che più ti piace, aggiungere le spezie e gli aromi che vuoi ed ottenere un prodotto sempre fresco e sano, senza aggiunta di conservanti o additivi, come generalmente avviene nei prodotti industriali.

Le macchine moderne, inoltre, hanno meccanismi che evitano alla carne di ossidarsi surriscaldandosi, per cui non è necessaria la trafila che viene spesso consigliata di mettere tutto in freezer prima di iniziare il lavoro.

Se prevedi di realizzarne grandi quantità o magari lavorate in coppia e volete velocizzare il processo, puoi anche acquistare la macchina insaccatrice a parte:

Sono tutti attrezzi molto validi che in più hanno il vantaggio, essendo manuali, di poter essere controllati facilmente regolando la velocità a piacimento.

Come fare la salsiccia in casa – occorrente

Per realizzare della buonissima salsiccia ti servono per prima cosa due ingredienti fondamentali: entusiasmo e fantasia. Sbizzarisciti come vuoi, prova diversi tipi di carne, mescola dfferenti tipi di spezie, aggiungi ingredienti a piacere, insomma sperimenta. Difficilmente il risultato sarà insoddisfacente: la salsiccia è sempre buona! 

La base che devi tenere presente è costituita da:

  •  2/3 di carne magra;
  •  1/3 di carne grassa, che sarà costituita da pancetta, guanciale o lardo di suino.

La parte magra invece varia in base al tipo di salsiccia che vuoi realizzare:

  • Suino: utilizza carne di spalla o coscia;
  • Pollo e tacchino: petti e cosce disossate sono perfetti;
  • Manzo: è possibile usare le parti magre della coscia e la polpa di spalla, basta che non abbiano filamenti troppo duri che potrebbero non essere macinati a dovere;
  • Cinghiale: si usa la polpa magra;
  • Pecora/capra: anche in questo caso si utilizzano le parti magre disossate.

come fare la salsiccia occorrente

Come vedi non c’è che l’imbarazzo della scelta, basti pensare alla grandissima varietà di salumi tipici di ogni regione, che si differenziano proprio per gli ingredienti oltre che per le diverse tecniche di stagionatura. Non ti resta che provare ogni volta un prodotto diverso.

Dopo aver scelto le parti adatte ti servono, per ogni kg di carne:

  • 20/25 gr di sale fino: ne basta meno se vuoi consumare la salsiccia fresca, mentre ne serve leggermente di più se intendi stagionarla;
  • 7 gr di pepe nero macinato.

E poi, a piacere:

  • 1 spicchio d’aglio;
  • Timo, origano, salvia, rosmarino oppure semi di finocchio;
  • Noce moscata;
  • Chiodi di garofano;
  • Bacche di ginepro;
  • Paprika dolce (ingrediente del salame ungherese);
  • Pepe in grani.

Altri ingredienti particolari:

  • Un bicchiere di vino (bianco o rosso): quasi obbligatorio nella salsiccia di manzo e cinghiale, si sposa benissimo anche con le altre;
  • Fegato: ogni regione ha un particolare tipo di salume prodotto con l’aggiunta di parti di frattaglie. Un piccolo quantitativo di fegato rende la salsiccia di suino veramente buonissima;
  • Patate: tipico il “salame di patate”  delle valli canavesane, in provincia di Torino. Si tratta di un salame di suino, a cui vengono aggiunte patate bollite e che va consumato fresco;
  • Barbabietole: una ricetta particolare valdostana prevede l’aggiunta di barbabietole rosse all’impasto che, oltre a dare sapore, sono un ottimo conservante naturale.

Come fare la salsiccia in casa – procedimento

Vediamo adesso il procedimento che ti permetterà di fare la salsiccia più buona che tu abbia mai mangiato!

Taglia la carne in pezzi grossolani (delle giuste dimensioni da poter essere inseriti nel tritacarne). Stendi il tutto su un piano di lavoro, mescolando le parti magre con quelle grasse.

Come fare la salsiccia ingredienti

Prepara un miscuglio di spezie, aggiungendo in una ciotola il sale, il pepe e le altre spezie a piacimento.

Spargi il composto sulla carne, mescolando bene, cosicché gli ingredienti si amalgamino bene fra loro.

A questo punto macina tutto con il tritacarne, scegliendo il disco che preferisci in base a quanto vuoi che rimanga tritato più o meno grosso l’impasto.

Se vuoi un impasto tritato molto fine puoi ripassare la carne due volte, altrimenti basta una, dipende dai gusti personali. Puoi anche lasciare una parte di pancetta da macinare a parte, più grossolana.

Adesso aggiungi gli altri eventuali ingredienti, come il vino oppure il pepe o il ginepro in grani, che non potevano essere passati nel tritacarne. Mescola bene con le mani, o in una planetaria, per ottenere un composto omogeneo.

♥La salsiccia è pronta!♥

come fare la salsiccia - pasta di salsiccia

Hai ottenuto della buonissima pasta di salsiccia, complimenti! Se non vuoi insaccarla, puoi anche consumarla così. È ottima per realizzare sughi o come ripieno per involtini, arrosti o frittate.

I nostri Spiedini Rusticotti (leggi qui la ricetta), ad esempio, possono essere preparati proprio utilizzando la pasta di salsiccia fresca.

Per conservarla, forma con le mani delle polpette o degli hamburger, puoi tenerli in frigo alcuni giorni oppure congelarli. Sono perfetti cotti in padella o sulla griglia, come faresti con della vera salsiccia.

Come fare la salsiccia in casa – insaccare

Perché allora insaccare? Perché la carne nel budello amalgama meglio i sapori, acquistando gusto. È inoltre possibile metterla ad asciugare per avere dell’ottima salsiccia stagionata.

Vediamo allora come fare la salsiccia in casa come un vero norcino.

Devi innanzitutto procurarti i budelli. Puoi ordinarli al tuo macellaio oppure recarti nei negozi che vendono articoli per macellerie. Puoi acquistarli anche online ovviamente. Guarda questi ad esempio:

In linea di massima per ogni chilo di salsiccia calcola un metro di budello. Sia che tu scelga quelli naturali (commestibili) di agnello o suino, oppure quelli artificiali (non commestibili) puoi conservarli per lungo tempo, mantenendoli in un luogo fresco e asciutto.

Prendi la quantità di budello che ti serve, mettilo in ammollo in una bacinella con acqua tiepida e un bicchiere di vino. Fai passare l’acqua al suo interno, lavandolo bene.

A questo punto monta il tubo per insaccare sul tritacarne (o prendi l’apposita macchina) e infila il budello sul tubo per tutta la sua lunghezza. Lascia la parte finale lunga una decina di centimetri e fai un nodo alla fine.

Inizia a far entrare la carne nel budello, stando attento che non rimanga aria al suo interno. Con un ago buca ad intervalli regolari la superficie per far uscire eventuali bolle d’aria.

C’è uno strumento, chiamato pungisalame pensato proprio per fare questo lavoro.

Otterrai così una lunga salsiccia pronta da conservare.

salsiccia intera

Per creare delle salamelle, ottime da stagionare, strozza il budello nel punto dove vuoi interrompere, girandolo su se stesso e lega con dello spago da arrosti.

salsiccia fresca - salamelle

Queste possono essere messe a stagionare, appese in lunghe file, in una stanza fresca. Ti sconsigliamo di farlo in estate, il troppo caldo le rovinerebbe facilmente. Una volta raggiunto il grado di stagionatura desiderato, puoi conservarle sottovuoto oppure congelarle.

Speriamo di essere stati chiari e che questa guida ti sia utile. Per qualsiasi dubbio o chiarimento non esitare a contattarci. Saremo lieti di darti una mano nella realizzazione delle tue buonissime salsiccie.

Condividi sui social


   

About the Author

 

Mi chiamo Sofia, ormai conosciuta come Sofia LoveBeef per gli amici. L'idea di questo blog mi è nata unendo la passione per la buona cucina alla conoscenza per il settore alimentare derivante dagli anni dell'Università, dove ho frequentato il corso di Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali. Le diverse esperienze nel settore gastronomico e in macelleria hanno fatto crescere il mio amore in particolare per le preparazioni a base di carne, una passione che spero di trasmettere anche ai miei lettori.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑